22 MARZO 2020 – IV DOMENICA DI QUARESIMA – Lætare: Messaggio dell’Arcivescovo

Carissimi fratelli, la quarta domenica di Quaresima è chiamata Lætare – Domenica della gioia per la Pasqua ormai vicina.

Come ci sembra strana questa definizione nel momento di grande tristezza e incombente pericolo che stiamo vivendo.

Tuttavia quell’invito a rallegrarsi, ripreso dall’antifona della Messa e tratto dalla parte finale del libro del profeta Isaia, si adatta a noi come ai deportati ritornati in una patria ridotta solo a macerie.

È lecito rallegrarsi perché possiamo sperare nella misericordia del Signore.

In questi giorni di tribolazione in cui, guardando al futuro, ci ripetiamo a vicenda: “Andrà tutto bene” o “Ce la faremo”, noi cristiani aggiungiamo “Con l’aiuto di Dio!”.

I drammatici avvenimenti in cui il mondo è avvolto possono impedire alla Luce di essere percepita dagli occhi opachi o completamente chiusi anche dal dolore.

L’episodio del cieco nato guarito, raccontato dal Vangelo, illumina la nostra precarietà come Gesù illuminò gli occhi del cieco, facendoci scoprire – nell’attuale buio – l’essenziale della vita con il superare atteggiamenti conformistici, suggerendo gesti di condivisione e di aiuto ai più deboli, diventando per tutti strumenti di consolazione e di speranza.

Create Account



Log In Your Account